Marlon Brando - il fascino dell’ultimo divo


Prima che per i film stessi, Hollywood ha conosciuto la fama per i suoi protagonisti: una fucina d’attori che la magia del cinema aveva trasformato in vere e proprie divinità dell’epoca moderna. Nell’ordine del tempo, Marlon Brando è stato probabilmente l’ultimo attore ad incarnare in pieno tale modello: ha conosciuto il tempo della fama e della bellezza, quello dell’eccesso e dell’eccentricità fino all’ora del declino che, come storia vuole, consacra l’uomo a mito di celluloide. Fin dai primi film l’attore è identificato – soprattutto da un pubblico bigotto e superficiale– come il ragazzo dallo charme contraddittorio del duro ma sensibile, del bello ma anticonformista.Ad oggi risulta difficile riconoscere già da un film come Fronte del Porto, un simile ritratto: siamo nel 1954, agli albori del cammino, ma fin da questa pellicola Brando ha iniziato a strutturare i suoi personaggi in un modo differente rispetto a quello che il pubblico ha percepito, essi contengono un je n’sais quoi di stanchezza e disillusione che l’attore porterà (con tratti ancor più accentuati) nei due personaggi più rappresentativi della sua carriera, Paul di Ultimo Tango a Parigi e Don Vito Corleone de Il Padrino. In entrambi l’attore è un uomo profondamente segnato dalla vita nei cui occhi aleggia un sentore di morte, un uomo ormai deluso dall’esistenza. Questo divenire del personaggio si può assimilare al divenire dell’uomo, che, in effetti, fu segnato da numerose vicissitudini quali simpaticamente eccentriche, quali puramente tragiche.

Il segno rappresentativo di Marlon Brando non risiede quindi nell’avvenente giovanotto in jeans e maglietta, ma in ciò che lo ha da sempre contraddistinto, un fascino puro che, parafrasando Deleuze, non risiede nella persona ma nella cifra delle personalità che l’individuo può contenere: Brando, da autentico ultimo divo, è stato capace di racchiuderle tutte. Se ne è servito per poi perire, come le mitiche icone della Hollywood dei tempi d’oro, schiacciato dal peso della molteplicità degli esseri che lo hanno abitato.

3 commenti:

silvia.papeblog ha detto...

Buongiorno Monia,
Ti contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a far parte di certe rubriche del nostro sito e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti, domande o suggerimenti,

Silvia
Responsabile Comunicazione
Paperblog Italia
silvia@paperblog.com

Marta ha detto...

e' stato uno dei miei preferiti. Era un grande anche nelle interpretazioni non drammatiche del tipo "la contessa di Hong Kong" con la Loren. Ultimamente ho rivisto "Il boss e la matricola". Incredibilmente bravo!!!!!

arwenlynch ha detto...

Hai vinto un premio

http://lafabricadeisogni.blogspot.com/2010/10/premio-dardos.html