Mon Oncle di Jacques Tati

Mon Oncle è un film davvero intelligente. Trova la sua forza in una forma allegra e coinvolgente, e allo stesso tempo solleva uno dei problemi che con il passare degli anni ha assunto toni tutt’altro che ilari: la profonda stupidità che dilaga nella società dei consumi.
La trama del film è incentrata sulla contrapposizione di due mondi nella medesima città che è, già in sé, immagine di tutti quei luoghi che prima di essere divorati dal cemento vivevano ancora a metà tra passato e futuro. Nel quartiere nuovo vivono i coniugi Arpel mentre Monsieur Hulot vive nella parte vecchia. Come filo conduttore tra i due mondi troviamo il piccolo Gérard, figlio degli Arpel, che alla vita moderna dei genitori preferisce di gran lunga quella di Hulot, suo zio.
Il film non procede con una narrazione vera e propria, si costruisce mano a mano nel susseguirsi di episodi che hanno come punto di riferimento la figura di Hulot, che costituisce il centro dell’azione. Monsieur Hulot, interpretato dallo stesso Jacques Tati è un personaggio che affonda le sue radici nella grande tradizione del comico ai tempi del muto: le connotazioni fisiche che lo rendono immediatamente riconoscibile (l’impermeabile, l’ombrello, il cappello e la pipa), la marcata gestualità, il rapporto comico che s’ instaura tra l’uomo e lo spazio e la quasi totale mancanza dell’espressione verbale.
Monsieur Hulot è una figura stramba e sognante; il suo mondo ideale non è quello della modernità, ma quello dal sapore antico del quartiere caloroso e pittoresco in cui vive. Le case vecchie, la piazza sempre animata da un’umanità varia e chiassosa che vive avvolta nella luce e nella musica. Tuttavia Hulot è legato tramite la sorella al mondo moderno, ed è proprio in questo mondo estremamente preciso pulito e ordinato tanto da sembrare finto che Tati ambienterà i vari ed esilaranti siparietti. L’azione si spiega nell’attenzione che il regista volge ai gesti banali e ai riti quotidiani degli abitanti della parte nuova. Tati sottolinea attraverso l’ironia come tutto ciò che la modernità proponeva per migliorare lo stile di vita può ribellarsi contro i suoi beneficiari rendendoli buffe caricature di se stessi (splendide le sequenze in giardino dove nessuno sa dove può mettere i piedi).
Il bersaglio preferito di Tati è la piccola borghesia consumista che in Europa si stava sviluppando proprio alla fine degli anni cinquanta. Il regista ebbe una lungimiranza invidiabile nel descriverne i lati negativi in un periodo in cui si credeva che la modernità potesse provvedere a tutto. E fu ancora più acuto nel rivolgere l’attenzione non tanto all’alienazione dell’uomo nella società moderna (Monsieur Hulot in fondo non cerca un posto in quella società né soffre perché non vi appartiene) quanto alla stupidità di chi invece nella corsa al nuovo crede talmente tanto da non accorgersi che ne diventa vittima; gli Arpel, parafrasando qualcuno che di consumismo se ne intendeva, non fanno altro che comprare la corda alla quale impiccarsi.
Ma a differenza del successivo epico Playtime, dove il passato è stato definitivamente divorato dal falso progresso e dove del vecchio non rimarrà che un timido ricordo nella fioraia all’angolo della strada, in Mon Oncle la visione di Tati è ancora nostalgica: il regista volge uno sguardo di speranza a quel passato che amato dai sognatori, dai bambini e dai cani potrebbe ancora salvarci.

10 commenti:

Christian ha detto...

Splendido film, l'ho rivisto anch'io da poco.
Ho letto da qualche parte che un appassionato si è costruito una casa identica a quella del film, con tanto di fontana-pesce... mah! ^^

monia ha detto...

sì davvero bello, anche se costrursi una casa uguale a quella mi sembra un pò eccessivo, per non dire folle^^!!

claudio ha detto...

j'adors tati!!

per me "giorno di festa" è il suo capolavoro!

ps. scusa l'intrusione qua, ma poichè tu sei garreliana non ti consiglio di vedere il suo ultimo film... per metà stupendo, poi imbarazzo... ne parlo da me...

monia ha detto...

giorno di festa ancora mi manca, devo recuperare^^!
quanto a garrel, non so quando e se riuscirò a vederlo... adesso vengo a leggere.

Luciano ha detto...

Un film stupendo come tutta la serie di Monsieur Hulot. Comunque i film di Tati sono tutti da vedere (anche per me perché non li vedo da troppo tempo).

monia ha detto...

è vero, a me ne mancano ancora alcuni ma quelli che ho visto finora li ho trovati fantastci!

Mario Scafidi ha detto...

bellissima analisi, monia. sono contento di ritrovarto on-line. anche io ero sparito, e adesso sono tornato con un nuovo blog (ma uguale a settima arte). se ti va vieni a trovarmi:

http://relativestranger.blogspot.com/

p.s. il film di tati è meraviglioso; basti dire che la quasi assoluta asse nza di dialoghi non viene percepita per l'eloquenza delle immagini.

monia ha detto...

grazie, è vero in tati sono le immagini che parlano. mi fa piacere ritrovarti, vengo subito a vedere il nuovo blog!!

Anonimo ha detto...

E il film (tra i tanti) che lascerò a mia nipotina. Non sono tanto differente poi dallo zio Hulot. Salutissimi. Nameerf

monia ha detto...

avere uno zio hulot è una gran fortuna, magari avessi anch' io qualcuno che mi lascia questi film! un saluto.